Come andare avanti

Non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa. Neanche a me. Se hai un sogno, lo devi proteggere. Quando le persone non sanno fare qualcosa, dicono a te che non sai farla. Se vuoi qualcosa, vai e inseguila! Punto.
(Will Smith nei panni di  Chris Gardner, a suo figlio Jaden Smith alias Christopher Gardner in Alla ricerca della felicità)

L’inizio del nuovo anno è comunemente un concentrato di bilanci e propositi. Bilanci per l’anno passato e (buoni) propositi per quello nuovo. Ci diciamo che l’anno passato ci ha dato, ci ha regalato, è stato e ha fatto dimenticando di sottolineare il ruolo che abbiamo avuto in tutto ciò e delegando così meriti e responsabilità a un’entità fittizia e inafferrabile: L’ANNO (passato o nuovo).

In questo post vorrei invitarti a riflettere su ciò che TU hai fatto nell’anno passato. Ritagliati un quarto di ora oggi stesso e pensa a ciò che hai fatto e poi un altro quarto d’ora dedicalo a ciò che NON hai fatto, a che cosa hai dovuto rinunciare e al perché l’hai dovuto fare. È un esercizio di riflessione che ti aiuterà a posizionarti meglio sulla scacchiera della tua vita.

È ciò che ho fatto anche io e così ho scritto di getto un pugno di pensieri che ho deciso di condividere con te. Sono pensieri che mi hanno aiutato a diventare più consapevole sulle mie azioni e sui miei comportamenti. 

Eccoli:

Diventa ciò che puoi essere e non ciò che le circostanze ti impongono di essere.

Ricordati di volerti bene, ogni giorno.

Rimani connesso con te stesso, non perderti tra le incombenze della tua Quotidianità.

Non farti guidare dalla paura nelle tue scelte, è la strada più sicura per il Fallimento.

Non deludere te stesso, né i tuoi sogni.

Tieni alta l'attenzione per la tua vita; l’unico modo per farlo è porsi delle domande, interrogarsi.

Non criticare, cerca e offri soluzioni.

Cerca stimoli per sentirti autentico; l’autenticità è fonte di ricchezza e ti aiuterà ad aiutare gli altri.

Cerca un modello per la tua vita, non un martire.

Non essere prolisso nei discorsi di tutti i giorni, sii chiaro e conciso, così puoi fare della tua vita un gran' bel discorso.

Evita i territori dell’ambiguità e dell’incertezza.

Se tu migliori nel tuo piccolo hai più probabilità di migliorare il mondo.

Non fare ciò che fanno gli altri, coltiva la tua unicità.

Sii curioso.

Punta ad essere efficace: di’ le cose giuste in modo da avere un effetto sull’interlocutore.

Punta all’efficienza: di’ le cose nel modo giusto; la comunicazione assertiva ti sarà di aiuto.

Non smettere di scoprirti: per ciò che sei, per ciò che puoi fare e dare, per ciò che vuoi essere.

Non lasciare nulla e nessuno che si prenda te stesso.

Non consumarti in una relazione, ma arricchiscila, riscaldala, falla crescere. Rafforza i punti deboli e coltiva i punti forti: l'Amicizia, la Complicità, l'Ammirazione, la Condivisione.

Domandati; tutti noi abbiamo una domanda che poniamo più delle altre, falla emergere e trova la risposta.

Trova una senso alla tua vita, è ciò che caratterizza l’Umanità.

Non permettere di essere qualcosa di inferiore a ciò che vuoi essere.

Poniti degli obiettivi. E raggiungili, senza se e senza ma.

Domandanti: che significato ha ciò che faccio.

Migliora: i tuoi pensieri, le tue emozioni, i tuoi comportamenti.

Non ci sono alternative nella vita: tutti cambiamo, allora tanto vale farlo con grazia e in maniera consapevole.

Ci diamo un gran' da fare per fare le cose dimenticandoci spesso, purtroppo troppo spesso, di fare la cosa più importante che un essere umano possa fare: costruire sé stesso.

Spero che questi mie riflessioni possano contaminarti e accenderne le tue.

A presto,

Lucian

Foto di Mr. Connor

commenti sul blog forniti da Disqus